Views
3 months ago

CHARTER 2017

  • Text
  • Charter
  • Barca
  • Porto
  • Fondale
  • Posti
  • Basi
  • Barche
  • Croazia
  • Costa
  • Grandi

Le barche da charter

Le barche da charter difficilmente sono dei fulmini a vela e se si vuole evitare di fare lunghe navigazioni a motore, è consigliabile affittare un gennaker, il cui costo è di 150 euro a settimana. Il motorino fuoribordo invece è un optional quasi irrinunciabile e il suo costo si aggira sui 90 euro a settimana Come nella maggior parte delle attività commerciali, anche nel mondo del charter le compagnie puntano su prezzi promozionali per aumentare la propria visibilità e attirare la clientela. Una prassi normale in linea con le regole del mercato, ma che tuttavia non deve trarre in inganno perché i prezzi finali della locazione si differenziano anche in misura consistente dai parametri iniziali. Oltre all’ovvia aggiunta delle tasse, la cui percentuale può variare da Paese a Paese, a incidere sul prezzo “finito” sono gli extra del charter. Questi costi sono riferiti più che altro agli accessori che si desidera avere in barca o, per esempio, alla presenza o meno dello skipper. Occorre quindi aggiungere ai prezzi di lancio della compagnia la spesa per tutti gli optional di cui si desidera usufruire, prezzi ovviamente di facile consultazione per tutte le compagnie di charter. Quanto costano, e quali sono, gli extra È bene specificare che la politica sui costi extra degli optional varia in base alla compagnia di charter. Alcune puntano su prezzi di partenza bassi con dotazioni standard minime, altre invece su prezzi lancio più alti, ma con maggiori accessori. Tuttavia possiamo individuare una serie di extra che mediamente sono considerati tali dalla maggior parte delle compagnie presenti sul mercato. Come vedremo, spesso sotto gli extra si trovano delle voci alle quali potremo 14 www.solovela.net

difficilmente rinunciare in occasione di una crociera in barca. Un’altra variabile dei costi extra è la lunghezza della barca. Più è lunga, più determinati optional vengono inclusi nei prezzi di partenza del noleggio. Sul segmento di charter extralusso la lista degli accessori extra prezzo si assottiglia molto, al contrario sulla fascia medio-piccola occorre attingere in abbondanza con un inevitabile aumento del prezzo rispetto all’offerta base. Una delle voci che pesa di più sul prezzo finale, e non viene solitamente inclusa nelle offerte di lancio, è il costo dello skipper. Se volessimo quantificare questo costo, dovremmo considerare anche il tipo di barca da charterizzare, più è grande e complessa più la quota dello skipper aumenta. La presenza dello skipper a bordo determina un aumento medio minimo di circa 150 euro al giorno più il vitto, ad aumentare in base al tipo di imbarcazione. Leggermente inferiore il prezzo dell’hostess di bordo, che possiamo quantificare in una media minima di 100 euro al giorno più vitto. Il tender è un accessorio solitamente incluso nei prezzi di partenza, ma non il suo motore fuoribordo. Se intendiamo vivere comodamente la nostra crociera e non remare quando vogliamo approdare col tender su una baia, dovremo quantificare una spesa extra minima di 90 euro a settimana, a salire in base alla potenza del fuoribordo. Su imbarcazioni sopra i 50 piedi varie compagnie lo includono nella dotazione standard. Se siamo dei veri velisti e intendiamo navigare con un gennaker anche in crociera, il costo della vela e della relativa attrezzatura per approntare le manovre si aggira intorno alla cifra minima di 150 euro a settimana. La rete Wi-Fi viene sovente inclusa nei prezzi standard, quando non lo è il suo prezzo varia in base al tipo di connessione offerta, se nazionale o internazionale. La forbice di prezzo media va dai 50 ai 100 euro circa a settimana. Un’altra voce che viene considerata come extra dalla maggior parte delle compagnie è la rete di sicurezza da installare sulle draglie, che ha un costo minimo di 100 euro sui monoscafi, anche da 200 a salire sui catamarani. Molte compagnie offrono un pacchetto base di cambusa (qualche bevanda e snack per la colazione), più un set minimo di accessori per bagno e cucina a una cifra mediamente poco superiore ai 20 euro. Oltre ai set di lenzuola standard, solitamente uno per cabina, quelli aggiuntivi vengono calcolati con un minimo di 10 euro a lenzuolo, cifra simile per i teli da bagno. www.solovela.net Un accessorio spesso richiesto, ma che serve molto meno di quanto si possa pensare, è la rete di protezione. Questa può avere un senso con bambini di tre-quattro anni massimo, dopodiché è inutile. Sotto i tre anni il bambino se cammina sul ponte lo fa con un adulto che lo accompagna, o almeno dovrebbe, sopra i quattro anni ha sviluppato un buon senso del pericolo che lo tiene fuori dai guai. A meno che non si voglia lasciar camminare i bambini sul ponte quando si è in navigazione, ma questo è tutt’altro discorso Lenzuola e asciugamani sono sempre degli optional da prendere a parte, i loro prezzi vanno dai 10 ai 15 euro a settimana Le società di charter più organizzate offrono una serie di optional quali windsurf, SUP, o canoa gonfiabile, il loro costo varia tra i 100 e i 150 euro a settimana Ti potrebbe interessare leggere La Costa Azzurra Scopri la Costa Azzurra, le sue isole, le sue rade e i suoi porti 15

MAGAZINES NETWORK SVN

SVN 36
MAXI 3
SVN 35
MAXI 3
SVN 36
SVN 35