Views
4 months ago

MAXI 2

  • Text
  • Barca
  • Maxi
  • Barche
  • Cantiere
  • Wally
  • Rolex
  • Motore
  • Essere
  • Imaxi
  • Piedi

MAXI

MAXI IMAXI – Vi aspettavate che la Dufour arrivasse a produrre un 63 piedi? L.G. – Di tale modello si parla da diverso tempo, visto come stava muovendosi il mercato credo che fosse una cosa inevitabile arrivare a questa misura per un cantiere come la Dufour. IMAXI – Per voi è stato un lavoro impegnativo? L.G. – È stato un lavoro che ha richiesto molto tempo, per fare tutto ci abbiamo messo due anni. Consideri che non si tratta solo di disegnare un 60 piedi, ma disegnarlo per un cantiere che produce in serie, cosa che rende tutto più complesso. IMAXI – Due anni sono molto tempo. L.G. – Sì, un tempo piuttosto lungo ma giustificato dal fatto che è la prima barca di questa misura che disegniamo per la Dufour e che il disegno è completo di tutto. Per questa barca abbiamo disegnato dalla carena alle sovrastrutture, spingendoci fino a molti dettagli degli interni. IMAXI – Quali sono i punti salienti della barca intorno ai quali ruota il resto? L.G. – La prima cosa che abbiamo studiato a fondo è la circolazione del pozzetto. Per soddisfare uno dei principali brief datici dal cantiere, abbiamo enfatizzato la facilità di comunicazione considerando il pozzetto come un luogo dove si passa buona parte della giornata e in cui le persone si muovono sia attraversandolo in tutta la sua lunghezza sia spostandosi da un punto a un altro. Abbiamo voluto far sì che ci si potesse muovere all’interno del suo perimetro senza trovare ostacoli o avvertire restrizioni. IMAXI – Un pozzetto che è anche molto particolare… L.G. – Sì, abbiamo creato un pozzetto che ha tre diverse aree: i due divani laterali dove si siedono gli ospiti con i loro tavoli ad ante Umberto Felci 22 solovela.net

MAXI abbattibili; la zona timonerie riservata a chi sta alle manovre e una terza zona, un’area nuova che abbiamo mutuato dai grandi open a motore, due divani con un tavolo centrale posti a poppa. Questa zona si può trasformare, abbattendo il tavolo centrale, in un grande prendisole che crediamo sarà apprezzato. Una zona arredata che non è presente su nessun’altra barca concorrente. IMAXI – Quale altro punto della barca ha concentrato la vostra attenzione? L.G. – Sicuramente la dinette, ampia e ricercata nei dettagli, e la cucina. La cucina di una barca di queste dimensioni può essere usata dagli ospiti, ma anche dall’equipaggio professionale, se imbarcato. Quindi dev’essere un luogo dove si può essere leggermente separati, per questo abbiamo creato tale angolo sulla murata di sinistra che è quasi chiuso fuori dalla linea di circolazione della barca. IMAXI – E avete abbandonato il concetto della cucina a prua tra cabina armatore e dinette che avete invece usato sul 500 e sul 560? In alto il prendisole che si ottiene dal tavolo e divani posti a poppa in pozzetto come descritto dall’ingegner Giovannozzi. Qui sopra la grande vetrata che si trova sul termine prodiero della tuga solovela.net 23

MAGAZINES NETWORK SVN

SVN 36
MAXI 3
SVN 35
MAXI 3
SVN 36
SVN 35