Views
5 months ago

SVN 35

  • Text
  • Pardo
  • Design
  • Komatar
  • Amel
  • Carboway
  • Telematico
  • Ormeggio
  • Boats
  • Race
  • Morire
  • Race
  • Performance
  • Rimini
  • Tragedia
  • Soleil
  • Alternatore
  • Rigging
  • Barca
  • Barche
  • Planamente
Il numero di SVN che vi accompagnerà nella prima parte dell'estate. Tanti articoli e nuove rubriche

Leggi e burocrazia Il

Leggi e burocrazia Il registro Telematico delle Imbarcazioni In questa rubrica curata dal dott. D’Agliano, consulente di diversi istituti finanziari per le problematiche del diporto, analizzeremo edizione dopo edizione problemi di natura amministrativa e legislativa inerenti al diporto Marco D’Agliano Cultore di Diritto della Navigazione presso l’Università di Macerata RUBRICHE Tra le tante riforme attese in Italia, ce n’è una che riguarda il mondo nautico. Dal 2006 è stata più volte annunciata, ma purtroppo a oggi non sappiamo ancora quando e come sarà attuata. Stiamo parlando del Sistema Telematico Centrale delle Navi e delle Imbarcazioni da Diporto, che darà vita anche allo S.T.E.D., Sportello Telematico del Diportista. Quest’ultimo sarà operativo nelle Capitanerie, negli Uffici Circondariali Marittimi, negli uffici provinciali della Motorizzazione Civile e presso gli studi di consulenza nautica abilitati. La sua funzionalità operativa ricalcherà quanto ottimamente realizzato per le autovetture con gli S.T.A. (Sportelli Telematici dell’Automobilista), i quali in tempo reale iscrivono, trascrivono e aggiornano i documenti dei mezzi circolanti su strada. Finiranno quindi le lunghe attese per l’agognata licenza di navigazione? Riusciremo a organizzare le nostre vacanze senza preoccuparci di avere in tempo i documenti aggiornati? La risposta dovrebbe essere univoca, forte e decisa sia da parte delle istituzioni, sia da parte di tutti gli enti coinvolti nella riforma. Non può che essere una sola: “Sì! Entro il prossimo Salone Nautico il progetto sarà legge e la sua attuazione avverrà sarà rapida, giusto il tempo tecnico di trasferire i dati dai registri cartacei a quelli digitali”. Virgolettare questa dichiarazione è doveroso. Purtroppo passano gli anni, si annuncia l’imminente uscita del provvedimento, ma per magia tutto sparisce e in vista della prossima stagione diportistica, i vecchi problemi si riaffacciano all’orizzonte. Le nuove procedure, oltre a rispondere al legittimo grido di semplificazione dei navigatori, colmerebbero il gap fra l’Italia e gli altri Paesi Comunitari che già si sono dotati di sistemi informatizzati. Ecco allora l’importanza primaria del Registro Telematico delle Imbarcazioni, a cui si aggiunge la semplificazione procedurale (che non deve confondersi con l’abbandono di tutele giuridiche) a cui lo Sportello Telematico del diportista è deputato. Per L’Unione Europea, il concetto di crescita sostenibile oltre il breve termine conquista una posizione centrale anche negli studi sulle criticità amministrative legate al diporto. Le strategie al riguardo mirano ad attenuare e risolvere gli effetti della grande crisi iniziata nel 2008. L’attuazione comporterà la modifica di procedure strutturali e intellettuali consolidate nel tempo, ma rappresenta una necessità per generare un cambio di marcia rispetto al recente passato. Germán Frers dichiara che l’Italia ha troppa burocrazia; io aggiungerei che la Burocrazia, ahimè, è l’Italia. 16 www.solovela.net

www.solovela.net 17

MAGAZINES NETWORK SVN

SVN 36
MAXI 3
SVN 35
MAXI 3
SVN 36
SVN 35