Views
3 months ago

SVN 35

  • Text
  • Pardo
  • Design
  • Komatar
  • Amel
  • Carboway
  • Telematico
  • Ormeggio
  • Boats
  • Race
  • Morire
  • Race
  • Performance
  • Rimini
  • Tragedia
  • Soleil
  • Alternatore
  • Rigging
  • Barca
  • Barche
  • Planamente
Il numero di SVN che vi accompagnerà nella prima parte dell'estate. Tanti articoli e nuove rubriche

News NSS C H A R T E R

News NSS C H A R T E R News Porto di Ponza, prossimo l’inizio dei lavori Il sindaco Pietro Vigorelli ha dato il suo benestare al progetto Marina Cala dell’Acqua e anche se questa non è l’ultima parola, è sicuramente un passaggio fondamentale per riuscire ad avviare i lavori. Lavori che, se tutto andrà come previsto, inizieranno nel gennaio del 2018 per concludersi nel 2020. Il progetto, presentato dalla società Marina Cala dell’Acqua, prevede di costruire un porto di 454 posti barca all’interno di Cala dell’Acqua conosciuta anche come Le Forna dal nome del piccolo centro abitato che vi si affaccia sopra. Il porto, che avrà le strutture principali in cemento ma i pennelli dei moli interni galleggianti, segnerà, da una parte un grande passo avanti per il turismo nautico dell’isola, dall’altra la fine di un’epoca avventurosa in cui chi arrivava a Ponza sapeva di non avere un ormeggio sicuro. La presenza del porto sicuramente incentiverà il traffico di barche. Molti diportisti non sono mai stati sull’isola proprio perché questa non era dotata di un approdo sicuro e la presenza di questo si ripercuoterà anche sui porti più vicini del Circeo, Nettuno e Terracina, dando vita a un pentagono diportistico costituito da questi tre porti dai quali partiranno le imbarcazioni dirette a Ponza e a Ventotene, isola poco più a sud e altrettanto bella che già da anni possiede un suo porto anche se molto più piccolo di quello previsto a Ponza. La società costruttrice ha già aperto le prenotazioni per “l’acquisto” dei posti barca nel porto. 34 www.solovela.net

Verso una figura professionale unica per lo skipper europeo News La comunità europea sta muovendosi per creare la figura unica dello skipper europeo e armonizzare le diverse legislazioni che vedono richiedere qualifiche molto diverse per svolgere questa professione e che di fatto bloccano la flessibilità del mercato del lavoro perché molto spesso skipper di una nazione non possono lavorare su barche con bandiera di una nazione diversa. In Francia per essere uno skipper professionista per imbarcazioni da diporto (sotto i 24 metri) viene richiesto un corso di 800 ore e un anno di navigazione certificata. L’Inghilterra invece si accontenta di 40 ore di corso e pochi giorni di navigazione certificata. In Italia per accedere alla professione di skipper occorrono diversi anni di navigazione certificata. In altri paesi non occorre nulla. Dopo due anni di lavoro il team del progetto europeo TCC-SCV, finalista del Blue Economy Business Awards 2016, ha presentato il risultato dell’operato in un report denominato “Skipper Working Without Borders”. Il progetto ha studiato le diverse normative europee e stabilito tra i 250 e i 300 punti fondamentali per definire la figura dello skipper per imbarcazioni da diporto. Punti che dovrebbero costituire il programma di studio per il conseguimento della nuova figura professionale (nel link sotto è possibile scaricare il prospetto del programma). C’è da notare che nel programma si sono prese in esame le maggiori marinerie d’Europa, ma non quella italiana perché a causa delle nostre regole eccessivamente complicate è difficile definire la figura dello skipper professionista. Cogliendo l’occasione della presidenza semestrale della Comunità Europea di Malta, paese particolarmente interessato a tutte le normative relative al noleggio, si sta spingendo affinchè la Commissione discuta del progetto e inizi un cammino, come già fatto per le figure professionali per le navi da diporto, che porti alla creazione di una figura unica, lo Skipper europeo. Il problema in Europa (contando ancora anche l’Inghilterra) coinvolge tra le 50.000 e le 75.000 persone tra skippers e personale di bordo. Le barche sotto i 24 metri in charter in Europa sono circa 60.000. Creare la figura dello Skipper Europeo sarebbe fondamentale e avvantaggerebbe molto anche i nostri professionisti che oggi hanno difficoltà ad essere imbarcati su unità con bandiera diversa da quella nazionale. www.solovela.net 35

MAGAZINES NETWORK SVN

SVN 36
MAXI 3
SVN 35
MAXI 3
SVN 36
SVN 35