Views
2 months ago

SVN 36

  • Text
  • Barca
  • Vento
  • Vela
  • Essere
  • Poppa
  • Barche
  • Gennaker
  • Jeanneau
  • Mare
  • Grande
SVN Solovelanet è la prima rivista di vela ad essere nata in ambiente digitale. I suoi argomenti sono, tecnica di navigazione, regate, mercato barche, viaggi. La rivista è gratuita.

Barche in stuoia di

Barche in stuoia di bambù e resina di Nadia Allera Il ragionamento di Edouard Sherwood, l’ingegnere che nel 2013 ha fondato la Cobratex, società che si è prefissa di portare l’uso delle fibre di bambù nei compositi industriali, è semplice: tali fibre sono tre volte più leggere delle fibre di vetro e hanno caratteristiche meccaniche equivalenti, non inquinano e sono relativamente economiche. Perché allora non usarle per costruire le barche? Questo è uno degli utilizzi che Sherwood intende fare delle canne di bambù, ma ce ne sono molti altri, dai tappeti ai mobili. Sherwood ci spiega che la Cobratex ha messo a punto un processo di lavorazione semplice ed efficiente per la trasformazione di questi vegetali. La società dispone di nove macchine in un impianto pilota destinato a ingrandirsi. Qui le canne sono “pelate” e le fibre sono selezionate in base alle loro caratteristiche. Poi le fibre sono riassemblate in nastri che possono andare dai 2 ai 5 mm di larghezza, con uno spessore che va da 1 a 3 decimi della larghezza. Una volta ottenuti questi fasci di fibra si tesse la stuoia con le caratteristiche richieste. La stuoia così ottenuta si può impregnare con qualunque tipo di resina, dalla poliuretanica alla epossidica. Al momento alla Cobratex sono in corso i test per convalidare le proprietà della stuoia di fibre di bambù. Si stanno provando i tessuti per determinarne le proprietà di assorbimento della resina, la resistenza all’impatto e alla compressione. Una barca in fibra di bambù, spiegano sempre alla Cobratex, oltre a essere molto più leggera di una in vetroresina, ha anche un impatto ambientale molto minore e soprattutto comporterebbe meno problemi nella fase di fine vita. Al momento con le stuoie prodotte dalla società francese sono state realizzate tavole da surf e pale per pinne da apnea. L’ingegnere Edouard Sherwood con una delle sue macchine per tessere le stuoie di bambù 26 www.solovela.net

www.solovela.net 27

MAGAZINES NETWORK SVN

SVN 36
MAXI 3
SVN 35
MAXI 3
SVN 36
SVN 35